Adriano c’è. Nessuno pronosticava la sua presenza, lui ha aspettato di incassare l’ultima scommessa poi si è presentato sul palco del Teatro Comploy di Verona. Tranquillo, compassato, quasi sorpreso dell’adrenalina di cui è rimasto uno degli ultimi dispensatori. La scommessa di Aspettando Adrian è degna di Amleto: esserci e non esserci allo stesso tempo, costruire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tradimenti e omicidi social, così diventiamo i “vicini impiccioni”

prev
Articolo Successivo

“Oggi compio 80 anni, ma quel rigore è un dolore che non passa”

next