“Nello stesso anno (181 a.C.), in un campo ai piedi del Gianicolo di proprietà dello scriba Lucio Petilio, alcuni contadini trovarono due arche di pietra. Entrambe recavano iscrizioni in caratteri latini e greci; una diceva che in quell’arca era sepolto Numa Pompilio, figlio di Pompo e re dei Romani, l’altra che conteneva i libri di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Meglio di Schindler list: la Shoah come mai era stata raccontata

prev
Articolo Successivo

Per essere gattari ci vuol la vocazione

next