Quando si redigono “liste” un brivido corre sempre lungo la schiena, perché la Storia è ricchissima di liste. Non parliamo di semplici e innocui elenchi, seppure anche questi talvolta possano essere nefasti, come quelli delle opere d’arte o dei libri razziati dagli invasori e conquistatori di terre. Parliamo, per esempio, di liste di proscrizione, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ci voleva Grittani per far vedere come si usa la voce narrante

prev
Articolo Successivo

É il Telegatto, ma credono sia l’Oscar…

next