La Sorbona fu occupata dagli studenti il 3 maggio, e l’occupazione durò fino al 16 giugno. Il famoso anfiteatro dove avevo ascoltato le lezioni dei prof al vertice della carriera divenne sede di un’assemblea permanente, dove si discuteva di tutto e si votava di tutto. Oggi si parla tanto di democrazia diretta, ma era quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Molestie, il maestro Gatti licenziato dall’Orchestra reale

prev
Articolo Successivo

L’ultima frontiera del lusso: le valigie a prova di proiettile

next