Torturato e lasciato morire. Poi fatto a pezzi, infilato nel baule di una Volvo 240 e carbonizzato. Solo grazie alla fede e all’orologio si è scoperto che quel cumulo di cenere era Francesco Vinci. Viene trovato morto e bruciato insieme al suo servo pastore, Angelo Vargiu, il 7 agosto 1993 nel bosco di Garetto, poco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Quattro anni e 298 morti senza la verità

prev
Articolo Successivo

Nudi alla mostra. Ma pure al camping e al centro sociale

next