È il 12 luglio 1962, Londra. Sei ragazzi inglesi, irriverenti e spettinati salgono sul palco del Marqee Club, in piena Oxford Street. Devono sostituire una band impegnata altrove, il loro è un debutto e hanno deciso solo il giorno prima di chiamarsi Rollin’ Stones. È l’inizio di un delirio e la nascita del mito. Tuttora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Piero Piccioni, il grande “epperò” del cinema che musicò Albertone

prev
Articolo Successivo

Mandzukic azzanna i Leoni: la Croazia raggiunge l’Olimpo

next