Molti l’hanno fissato negli orecchi il 27 febbraio di 15 anni fa, al funerale di Alberto Sordi. Fu la sua musica, fu la sigla di Storia di un italiano ad accompagnare il feretro dell’attore al Verano, facendo ballare e piangere insieme la folla dell’ultimo addio. Dopo essersi conosciuti in radio – erano per il futuro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Maturità, il bestiario: Fred, l’“usucappone” e il gen. Capodoglio

prev
Articolo Successivo

Rock & doc: Scorsese sui Rolling Stones

next