Si racconta che Catone il censore fosse ossessionato da Cartagine, tanto ossessionato dalla mortale nemica di Roma. Eppure, ai suoi tempi (metà II secolo a.C.) la potenza punica era ormai sostanzialmente inoffensiva, dopo la seconda sconfitta a opera di Scipione l’Africano. Ciononostante, il leader conservatore, continuava a porre la questione all’assemblea senatoria, tanto da concludere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Anna Foa, ritornano i confini. Torna la punizione del confino

prev
Articolo Successivo

Gli intrugli della Marchi venduti in tv

next