“Agli dèi Mani. A Puteolano Demetriano, uomo ornato di virtù, che ha esercitato tutte le cariche, incaricato sovente di ambascerie, difensore dei poveri, per i meriti e la benevolenza di lui, degno e meritevole, che visse 58 anni e 8 mesi, Firmo offrì ossequio a quell’uomo buono e fece al benemerito”. Si tratta di un’iscrizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Il soldato di Allende” e le altre avventure di Guido Vicario

prev
Articolo Successivo

Incontrando Dario Argento

next