#disconnessionisbeautiful. Ops! Ci sono cascato. Ho usato l’hashtag di Twitter. Vedete il contagio? Il virus dei social non perdona. S’installa nella mente. E non si cancella. Forse, più che un virus è un vizio. In Francia il diritto alla disconnessione è in vigore dallo scorso gennaio. Fuori del lavoro, nessuno può scocciarti. Squilla il telefonino? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quelli che “mio figlio è avanti, sembra più grande dei coetanei”

prev
Articolo Successivo

In cammino con il ‘Cortile di Francesco’ per riscoprire le tappe del linguaggio

next