Una domenica mattina, un produttore discografico di Oslo va in chiesa per fare da padrino a un battesimo e lì, nonostante sia in hangover e abbia bevuto due caraffe di caffè per tenersi in piedi, ascolta i canti cristiani di Timoteus, Maria e Tulla Thorsen, tre fratelli ottantenni che con le loro voci risvegliano il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sul bus come un buttafuori caccio le tribù di pendolari

prev
Articolo Successivo

Julio Iglesias la canta al suo “El amigo”, pene fedele, ardente e iperattivo

next