Anche se a scuola non lo si insegna, i grandi narratori hanno una caratteristica in comune: raccontano tutti di qualcuno che prende sul serio il proprio bisogno di essere felice. Per Pinocchio, la felicità è trasformarsi in un ragazzino. Per Don Chisciotte, è liberarsi da un’epoca che gli sembra banale. Per Dante, è uscire dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un intruso nell’ufficio della pm delle stragi

prev
Articolo Successivo

“Bonco”, si uniscono al pianto Mortificaziòn e i venditori tutti

next