Giunto all’aeroporto di Vienna alla metà di marzo, Neil Harbisson viene fermato da un agente: “Hai problemi psicologici?”. Neil, 36 anni, nato a Belfast ma spagnolo d’adozione, è il primo cyborg del pianeta. Davanti alla sua fronte pende una webcam, appesa ad un cavetto che sorvola la testa e finisce nella nuca. Serve ad ascoltare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La luce “buttata alle stelle”: spreco da mezzo miliardo

prev
Articolo Successivo

Totò, 50 anni fa moriva il principe della risata. Triste, cieco e stroncato

next