Caro Leo, hai proprio ragione: l’arte di strada ci salverà dalla barbarie. A Napoli qualcuno ci sta provando. Si chiama Jorit (e basta così) ed è un napoletano di madre olandese. Un giovane che ama l’Africa e i suoi segni. Uno che nelle interviste nasconde il suo volto, ma disegnare volti è la sua arte. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Alberto Dubito e Fausto & Iaio: Milano inghiotte ancora i ventenni

prev
Articolo Successivo

Monsieur Hamon, socialista iconoclasta

next