C’è una sorta di autocondanna alla zavorra, nel Movimento 5 Stelle: ogni volta che sono lanciatissimi verso grandi traguardi, si sabotano da soli. Così, dopo l’avviso di garanzia a Nogarin, è arrivato quello a Pizzarotti. Due “atti dovuti”, per nulla paragonabili alle decine di casi che quotidianamente travolgono il Pd, ma comunque due spine nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

“Onestà”, grido a doppio taglio. Pare che giochino a perdere

next