A 33 anni dalla fine della dittatura militare, la democrazia brasiliana si trova a un bivio: il candidato di estrema destra Jair Bolsonaro è arrivato al primo turno delle elezioni presidenziali con un vantaggio così evidente nei sondaggi che si è vantato di poterle vincere anche al primo turno, ma tutto indica invece che dovrà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Genova, per il ponte tornano in corsa Gavio, l’Anas e Toto

prev
Articolo Successivo

Solidarietà ai colleghi del gruppo Gedi

next