/ di

Stefano Disegni

Stefano Disegni (Roma, 1953) è un disegnatore satirico italiano. Vincitore del Premio Satira Politica di Forte dei Marmi e occasionalmente armonicista blues, è anche autore televisivo. Ha pubblicato libri per Mondadori, Feltrinelli, Einaudi ed altri. È collaboratore di varie testate giornalistiche, da Cuore (di cui è stato anche direttore nel 1998) a Ciak, dal Guerin Sportivo a Linus, al Corriere della Sera dove tutte le settimane pubblica sul Magazine la rubrica Telescherno. Ha collaborato con l’umorista Massimo Caviglia fino al 1997. Viene spesso invitato nei talk show quando si parla di satira, ma nel 2007 esordisce in tv come attore: interpreta il dott.Asl (chiaramente parodia di Dr. House) all’interno del programma Tintoria di Raitre, di cui è anche autore.

Articoli Premium di Stefano Disegni

Fatti & Misfatti - 17 dicembre 2017

Misoginia

Società - 11 dicembre 2017

“Ora sono un (vero) cane sposato e non posso più fare il play boy”

Io sono un cane. Certo, non ne presento le caratteristiche: deambulo su due zampe, non ho la coda, non faccio casino se suona il citofono, non lecco la gente, non sbavo a colate, non riempio il divano di peli quando mi ci siedo, non mi azzuffo per strada con altri uomini che insidiano il mio […]
Fatti & Misfatti - 10 dicembre 2017

Cristo si è fermato a via Gluck

Fatti & Misfatti - 26 novembre 2017

Senilità (incontri con io)

Fatti & Misfatti - 19 novembre 2017

La mossa

Società - 6 novembre 2017

Ospitate in tv, tenetevi la visibilità: anche i “maestri” vanno pagati

“Visibilità”. Un valore in un Paese in cui per tre minuti di apparizione in tv si darebbe fuoco alla madre e, ove te ne garantiscano cinque, non chiami neppure i soccorsi. Squilla il cellulare: una tutta flautata ti dice che lavora per un talk show su Rai1 (o Rai2 o Rai3, o altri. Fate voi, […]
Fatti & Misfatti - 5 novembre 2017

Alla ricerca del tempo da perdere

Cultura - 24 ottobre 2017

È povertà umana di minoranze in cerca di visibilità

In una famosa scena di Ricomincio da tre a Troisi chiedevano “Napoletano? Emigrato?” (ancora non c’erano sbarchi a Lampedusa, i poveracci sbarcavano a Torino). Lui rispondeva “No. Ma perché se uno è napoletano deve essere per forza un emigrante?” Così m’è capitato di sentirmi dire “Laziale? Fascista?”. Io sono laziale per tanti motivi, ma fascista […]
Fatti & Misfatti - 15 ottobre 2017

L’anniversario

Fatti & Misfatti - 1 ottobre 2017

La chiave di svolta

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×