/ di

Ricerca Precaria Ricerca Precaria

Ricerca Precaria

Coordinamento Ricercatrici e Ricercatori Precari Universitari

Il Coordinamento Ricercatrici e Ricercatori Precari Universitari è un’organizzazione spontanea di assegnisti, borsisti di ricerca, dottorandi e di quella moltitudine di altre figure precarie che garantiscono oggi il funzionamento quotidiano dell’università italiana.
Il Coordinamento si è costituito nel 2014 per discutere della condizione delle ricercatrici e dei ricercatori non strutturati e per proporre soluzioni alternative alle attuali norme che stanno stroncando il lavoro di ricerca e, con esso, le prospettive di sviluppo culturale, civile e tecnologico del nostro paese.
Attualmente il Coordinamento è formato da una rete di gruppi locali presenti nelle principali sedi universitarie e di ricerca del nostro paese. Da fisica a economia, da medicina a filosofia, da sociologia a chimica, da psicologia a agraria, le ricercatrici e i ricercatori del Coordinamento – pur occupandosi di temi diversi – condividono le condizioni che il precariato universitario impone alle loro vite.
In questi anni di confronto e azione politica il Coordinamento è stato parte attiva del dibattito su scala nazionale sui temi del reclutamento del personale accademico, della promozione dei finanziamenti per la ricerca e del funzionamento del sistema universitario italiano.

Blog di Ricerca Precaria

Politica - 5 settembre 2018

Giarrusso all’Università, zero pubblicazioni ma ‘ottimo’ in canto e chitarra. Siamo in una botte di ferro

La ex Iena Dino Giarrusso dirigerà l’Osservatorio sui concorsi nell’Università. Lo annuncia il sottosegretario all’Istruzione Fioramonti sul suo profilo Facebook. La notizia è talmente interessante che vogliamo commentarla facendo l’analisi del periodo, quella che ci facevano fare le maestre alle elementari. Ex Iena. Già qui potremmo fermarci. Le Iene hanno contribuito alla diffusione di alcune […]
Lavoro & Precari - 24 luglio 2018

Decreto Dignità, l’eccellenza della ricerca italiana non ha bisogno di altri precari

di Arsi* L’Italia è il paese dove la ricerca è considerata un privilegio e non un lavoro, dove la precarietà è sinonimo di “flessibilità”. Questa visione è stata esplicitata nuovamente in un articolo pubblicato pochi giorni fa sul Corriere della Sera in cui i direttori scientifici di due Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico […]
Scuola - 20 giugno 2018

Psicologia, per il Tar il numero chiuso è illegale. Ma l’Università di Torino vuole cancellare il corso

A causa del numero chiuso, solo un aspirante studente di Psicologia ogni cinque può effettivamente frequentare il corso all’Università di Torino. Da anni gli studenti si battono per dimostrare che il numero chiuso non solo viola il diritto allo studio, ma è anche illegale; per tutti questi anni le risposte dell’Ateneo – a Torino come […]
Lavoro & Precari - 9 aprile 2018

Università, ancora una volta in Italia la ricerca non è un lavoro

In Italia, ancora una volta, la ricerca non è un lavoro. Ce lo aveva ricordato due anni fa il ministro Poletti, giustificando l’esclusione dall’indennità di disoccupazione per assegnisti, dottorandi e borsisti proprio in questo modo: se sei un ricercatore precario in università il tuo non è lavoro, è formazione, quindi niente sussidio se ti lasciano […]
Scuola - 7 marzo 2018

Università, è miope continuare a ragionare con la logica delle classifiche

Nessuno, se non Lucio Bolle, ha fatto di più per il suo Laboratorio e per il Dipartimento dove lavorava. E tutti i colleghi, i docenti e i direttori correvano da lui. Era il buon assegnista Lucio Bolle, che non faceva storie, era appassionato, disponibile e pubblicava molto. E in più aveva la fortuna di avere […]
Scuola - 21 dicembre 2017

Ogni ricercatore in fuga spegne il futuro del nostro Paese. Così muore l’Italia

Qualche mese fa è uscito il rapporto annuale “Education at Glance” che descrive lo status di ricerca e istruzione nei paesi Ocse. Non è certo una novità, ma tra i dati spicca un divario notevole tra la nostra spesa in ricerca e università e quella dei paesi con cui vorremmo confrontarci. L’Italia è tra gli […]
Scuola - 23 novembre 2017

Il Black Friday dell’università italiana

Domani, venerdì 24 novembre, le università italiane si fermano. O, se ribaltiamo il punto di vista, si mettono finalmente in moto: per tutto il giorno, in decine di sedi diverse, ci saranno conferenze di ateneo, assemblee spontanee, presidi in rettorato, lezioni in piazza. Dopo lo sciopero degli esami di settembre per il reintegro degli scatti […]
Scuola - 30 ottobre 2017

Università, la vergogna di dire a mio figlio che sono precaria

Ricerca Precaria ospita la storia di Francesca (nome di fantasia per tutelare la riservatezza) sulla difficoltà di raccontare, anche ai propri figli, cosa significa essere precari. Mio figlio Matteo ha iniziato da poco la prima elementare. Come tanti bambini, all’inizio era un po’ spaventato per questa nuova esperienza. Il secondo giorno di scuola, ancora un […]
Scuola - 11 ottobre 2017

Università, come riformarla in tre mosse e a costo zero (o quasi)

Cosa fare oggi per l’università italiana, scossa dalla recente inchiesta per corruzione sull’abilitazione scientifica nazionale in Diritto tributario che ha coinvolto 59 docenti? Inutile investire in un’istituzione che secondo alcuni è irrimediabilmente compromessa, in balia di gruppi di potere ristretti? O forse è proprio la scarsità di risorse a esacerbare le logiche di spartizione e […]
Scuola - 29 settembre 2017

G7 e università, come spiegare ai grandi del mondo perché non investiamo in ricerca

Nel dare il benvenuto ai loro colleghi del G7 in occasione del summit su lavoro, scienza e industria a Venaria Reale, i ministri Carlo Calenda, Valeria Fedeli e Giuliano Poletti avranno forse raccontato quanto è competitivo il nostro paese. Avranno magari sostenuto, come già fatto nei mesi scorsi da Matteo Renzi (e come a suo […]
Manovra, Di Maio: “Sarà coraggiosa ma terrà i conti in ordine. Non vogliamo sfasciare nulla, duriamo 5 anni”
Di Maio: “Flat tax? È nel contratto ma non deve favorire i ricchi. Ilva? Ore delicate, credo che ci saranno buoni risultati”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×