È durata sei ore l’udienza del tribunale del Riesame di Bologna che deve decidere sul al ricorso presentato da sei sindacalisti del Si Cobas e Usb di Piacenza per cui il gip di Piacenza ha disposto gli arresti domiciliari riconoscendo, a vario titolo, l’associazione a delinquere. Per la procura piacentina alcuni delegati – nel corso del tempo – hanno organizzato manifestazioni e picchetti con l’obiettivo di conquistare i lavoratori dei magazzini della logistica nella provincia emiliana. Per il gip una “faida” tra sigle sindacali, una guerra per le tessere, una “vera e propria lobby” che rappresentava un “sistema di potere” anche per arricchirsi sulla pelle dei lavoratori. Un quadro totalmente respinto dagli indagati e dai difensori. La difesa ritiene che l’inchiesta si basi su “una ricostruzione fragile e presto smontabile, a partire dal fatto che i lavoratori, grazie alle lotte e agli accordi sindacali, hanno ottenuto prima di tutto il rispetto del contratto collettivo nazionale nei propri luoghi di lavoro (fino ad allora disatteso), e in seguito più diritti e salari più alti. Lo stipendio dei lavoratori nel periodo preso in esame dall’inchiesta è infatti è passato da 500 euro al mese a 1800 euro”.

I giudici ora hanno tempo fino a sabato per prendere una decisione relativa alle misure cautelari a carico di Aldo Milani, coordinatore nazionale del Si Cobas e i tre coordinatori piacentini Mohamed Arafat, Carlo Pallavacini, Bruno Scagnelli insieme ai due sindacalisti dell’Usb Roberto Montanari e Abed Issa Mohamed. Le difese degli indagati hanno depositato relazioni, memorie e prodotto verbali di accordo fra i sindacati e le aziende della logistica per contestare gli elementi contenuti nell’ordinanza di custodia cautelare della gip di Piacenza, Sonia Caravelli, e in particolare hanno rigettato l’accusa e la configurazione del reato di associazione a delinquere. Due misure sono state già revocate dal gip. La Procura di Piacenza con il sostituto procuratore Matteo Centini ha prodotto le testimonianze di alcuni imprenditori e i verbali di conciliazione relativi ad alcune delle vertenze sindacali contestate nei capi d’imputazione. Durante l’udienza si è tenuto un presidio: “Siamo qui a rivendicare e affermare che i lavoratori e le lavoratrici uniti e in lotta vinceranno. Uniti contro la repressione capitalista e l’attacco frontale da parte delle istituzioni al sindacato conflittuale e il diritto di sciopero”, dicono gli attivisti dei sindacati, che hanno occupato via D’Azeglio, davanti al palazzo di giustizia.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sul carcere e il fine rieducativo della pena: ecco i casi ‘irredimibili’ in cui il ravvedimento non esiste

next
Articolo Successivo

Alessia Pifferi, richiesta di incidente probatorio sul biberon di Diana. La donna ha rivelato l’identità del padre della figlia agli avvocati

next