L’Audi RS6, tra le massime rappresentanti della sportività della casa dei quattro anelli, spegne venti candeline. La prima generazione arrivò nel 2002, forte della reputazione e dei successi Audi nel motorsport, per soddisfare una duplice esigenza: quella di avere un’auto fruibile nel quotidiano, come tutti i modelli Avant (station wagon) di Ingolstadt, ma che all’occorrenza tirasse fuori grinta e prestazioni. A tale scopo fin da subito la serie C5, così si chiamava, fu infarcita di tutta la tecnologia distintiva del marchio, come la trazione integrale quattro o i motori biturbo a V. Ma anche di tutti i dispositivi e ritrovati tecnici allo stato dell’arte che si sono man mano evoluti nelle varie generazioni successive. Attualmente siamo alla quarta (C8), che si distingue per il design grintoso e il propulsore 4.0 V8 biturbo da 600 cavalli, di certo emblema della vocazione sportiva Audi, abbinato alla tecnologia mild-hybrid a 48V per un’efficienza ancora maggiore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, si impennano i prezzi delle materie prime. Quello del litio è alle stelle

next
Articolo Successivo

Destriero e il Nastro Azzurro, un record da favola che resiste da trent’anni – FOTO

next