Uno yacht di 70 piedi, circa 21 metri, è finito sugli scogli al largo di Porto Cervo: una persona è morta e sei persone sono rimaste ferite. La vittima è un uomo di 60 anni di nazionalità straniera, forse l’armatore della barca. È stato recuperato vivo ma incosciente dagli uomini della guardia costiera di Olbia e Porto Cervo, ma è morto subito dopo i soccorsi. A bordo in tutto 7 persone, compresa la vittima. Gli alti 6 feriti sono stati sbarcati a Porto Cervo e assistiti sul posto dai medici del 118. Due, in gravi condizioni, sono stati trasferiti in ospedale con codice rosso. Secondo le prime informazioni, l’incidente, che è avvenuto intorno alle 20.40 di ieri, domenica 31 luglio, mentre il gruppo navigava davanti alle isole di Li Nibani, potrebbe essere stato causato dalla manovra improvvisa del comandante per evitare la collisione con un’altra imbarcazione. Il 21 metri è semiaffondato e il relitto è stato recuperato e trainato dai rimorchiatori fino allo scalo a Porto Cervo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ministero dell’Istruzione: “Diminuiti gli studenti con cittadinanza non italiana.” E’ la prima volta dal 1983. Il covid tra le cause

next
Articolo Successivo

Sorelle investite da un treno, i testimoni: “Una ferma sui binari, l’altra seduta sulla banchina. Forse per aiutarla a risalire”

next