E’ un rimpallo di responsabilità tra Mosca e Kiev quello sul bombardamento del 28 luglio scorso del carcere di Olenivka, nella regione di Donetsk, controllata dai russi. Gli ucraini accusano i russi di aver attaccato il carcere per coprire i gravi crimini commessi dalla Russia nei confronti dei prigionieri di guerra ucraini, Mosca, dal canto suo accusa Kiev di aver bombardato con i famigerati missili Himars– forniti dagli Stati Uniti– la struttura di detenzione dove, secondo i russi, erano detenuti i combattenti della compagnia di Azov, potenziali testimoni, a detta di Mosca , dei crimini commessi da Kiev. “Il presidente Zelensky e Washington sono dietro l’attacco missilistico al centro di detenzione preventiva di Olenivka – ha scritto su Telegram il presidente della Duma, Vyacheslav Volodin- L’obiettivo è quello di non consentire un nuovo processo di Norimberga, in cui i prigionieri nazisti di Azov inizierebbero a testimoniare”, ha concluso. Il tenente generale Igor Konashenkov, rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, riferisce che il bilancio sarebbe di 50 morti e 73 feriti. L’Ucraina chiede all’ Onu e alla Croce Rossa internazionale di inviare una missione di ispezione del carcere di Olenivka per accertare i fatti, come si legge in un comunicato congiunto delle Forze armate ucraine, i servizi di sicurezza e il commissario parlamentare per i diritti umani.

La reazione della comunità internazionale non ha tardato ad arrivare. “L’Unione europea – ha dichiarato Josep Borrell, Altro Rappresentante per la Politica estera dell’ Unione Europea– condanna con la massima fermezza le atrocità commesse dalle forze armate russe” e condanna “nei termini più forti possibili” l’attacco al carcere di Olenivka e l’evirazione, ripresa in un filmato, di un prigioniero ucraino. “Questi atti inumani e barbari -aggiunge Borrell- rappresentano gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra e del loro Protocollo aggiuntivo e costituiscono crimini di guerra. Gli autori dei crimini di guerra e di altre gravi violazioni, così come i funzionari governativi e i rappresentanti militari responsabili, saranno chiamati a risponderne. L’Unione europea sostiene attivamente tutte le misure volte a garantire la responsabilità per le violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale commesse durante l’aggressione russa in Ucraina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq, i manifestanti pro Muqtada al Sadr assaltano per la seconda volta il Parlamento di Baghdad. Appello dell’Onu alla calma

next
Articolo Successivo

Illinois, alla lotteria Mega Millions vinto il terzo jackpot più grande della storia: 1,28 miliardi di dollari

next