di Roberta Ravello

E’ stato accolto il ricorso contro gli stereotipi sessisti nei tribunali italiani che l’associazione Differenza Donna aveva presentato: il Cedaw, Comitato delle Nazioni Unite che monitora la convenzione per l’eliminazione di ogni discriminazione contro le donne, ha riconosciuto infatti che i pregiudizi diffusi nei tribunali italiani violano il principio dell’uguaglianza delle donne davanti alla legge. Il caso parte da un ricorso presentato da una donna già vittima di violenza domestica e poi stuprata da un agente delle forze dell’ordine, prima condannato e poi assolto nei successivi gradi di giudizio.

Negli interventi dell’autorità giudiziaria italiana sono stati riscontrati stereotipi sessisti, quindi il comitato dell’Onu ha condannato lo Stato al risarcimento morale e materiale nei confronti della vittima e ha raccomandato di introdurre programmi specifici di formazione sulla violenza contro le donne per tutti gli operatori della giustizia e ha infine intimato al nostro Paese di modificare il reato di violenza sessuale, garantendo la centralità del consenso della vittima come elemento determinante del delitto. A raggiungere lo storico risultato sono state le avvocatesse di Differenza Donna: Teresa Manente, Ilaria Boiano, Rossella Benedetti, Marta Cigna.

Lo Stato italiano nel procedimento ha difeso le politiche nazionali adottate negli ultimi anni in materia di prevenzione della violenza di genere nonché l’operato dell’autorità giudiziaria, ma il comitato Cedaw ha ritenuto che il trattamento riservato alla donna prima dalla corte d’appello, e poi dalla Corte di Cassazione, non abbia garantito ”l’uguaglianza sostanziale della donna vittima di violenza di genere” nascondendo ”una chiara mancanza di comprensione dei costrutti di genere della violenza contro le donne, del concetto di controllo coercitivo, delle implicazioni e delle complessità dell’abuso di autorità, compreso l’uso e l’abuso di fiducia e l’impatto dell’esposizione ai traumi successivi”.

Secondo il comitato, inoltre, sono state ignorate le vulnerabilità e le esigenze specifiche della donna vittima di violenza domestica. Lo Stato italiano ha rivendicato ”sforzi significativi per implementare iniziative sulla parità di genere”, ma ha sottolineato che, se non si riconosce l’esistenza degli stereotipi sessisti e non si intraprendono azioni determinate per rimediare ai pregiudizi diffusi, qualsiasi modifica legislativa è vana, in quanto inaffidabile ”per cambiare la realtà delle donne, che sono vittime in modo sproporzionato di violenze e abusi, che possono lasciare cicatrici (a volte invisibili) per tutta la vita e a livello intergenerazionale”.
Il comitato dell’Onu non ha riconosciuto però questo impegno come sufficiente a sanare gli stereotipi sessisti che discriminano le donne nei tribunali. Ora vediamo cosa cambierà grazie a questa storica sentenza, aspettando oramai i tempi della nuova legislatura.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’unione civile della carabiniera con la sua compagna: è la prima cerimonia in uniforme con picchetto d’onore

next
Articolo Successivo

A Milano i laboratori estivi per i bambini ucraini tra disegni e giochi: “Attività fondamentali per elaborare i traumi subiti e imparare la lingua”

next