L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha cercato di prendere il volante dal suo autista di limousine dei servizi segreti nel tentativo di unirsi alla folla che marciava sul Campidoglio degli Stati Uniti l’anno scorso. Cassidy Hutchinson, uno dei principali aiutanti della sua amministrazione, testimonia e racconta l’accaduto. “Il presidente Trump ha detto qualcosa del tipo: ‘sono il presidente, portami al Campidoglio ora’, al che Bobby (agente dei servizi segreti) ha risposto: ‘signore, dobbiamo tornare nell’ala ovest’. Il presidente a quel punto si è allungato verso la parte anteriore del veicolo per afferrare il volante”, queste le parole della giovane donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biden al vertice Nato: “Gli Usa aumenteranno le difese in Europa, forze aeree aggiuntive in Italia e Germania”. Mosca: “Ci sarà risposta”

next
Articolo Successivo

Russia, l’oligarca Deripaska contro la guerra: “Un errore colossale. È nostro interesse distruggere l’Ucraina? Certo che no”

next