Sono cinque le persone finite agli arresti domiciliari: due titolari e tre dipendenti di una casa di riposo abusiva nel centro di Reggio Calabria. Sono accusati di maltrattamenti e abbandono di persona incapace, con l’aggravante di aver causato la morte di un ospite della struttura. Per questi reati, il Nucleo antisofisticazione e sanità (Nas) di Reggio Calabria, con il supporto del locale comando provinciale dei carabinieri, ha eseguito l’ordinanza di misura cautelare a loro carico emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri. L’indagine ha permesso di denunciare altre sette persone per esercizio abusivo di professione sanitaria, sostituzione di persona e falsità ideologica. Durata cinque mesi, l’inchiesta è partita nel gennaio 2021. In quell’occasione, i familiari dell’anziano, con gravi patologie, hanno denunciato l’episodio dopo il decesso del parente avvenuto in seguito al trasferimento dello stesso dalla casa di riposo abusiva all’ospedale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La maestra dell’asilo le versa acido muriatico in gola perché piangeva troppo: morta una bimba di 11 mesi

next
Articolo Successivo

Lodi, trovato morto nel suo giardino l’ex sindaco di Corte Palasio: aveva tagli alla gola. I vicini: “Abbiamo sentito grida di aiuto”

next