Anche questa settimana la Ferrari non riesce a conquistare la vittoria. Nel gran premio del Canada a vincere è stata la solita Red Bull e nuovamente Max Verstappen. Con un Leclerc parzialmente fuori gioco a causa della penalità inflitta dopo la decisione di sostituire l’intero motore e i relativi componenti, tutte le speranze Ferrari ricadevano sulle spalle di Carlos Sainz. Lo spagnolo però non è riuscito a centrare la vittoria a causa, in parte, di una mancanza di velocità sul dritto della sua monoposto e anche per meriti dell’olandese che non ha commessa la minima sbavatura in pista.

Ancora una volta viene raccontato, come la Ferrari F1-75 risulti essere la macchina più veloce in pista – in parte è vero – e ancora una volta a vincere però è la Red Bull. Perché allora?
Che la Ferrari sia la macchina più veloce in pista, di fatto è una verità, ma raccontata a metà.

Le due Ferrari in pista ieri avevano chiari ed evidenti problemi nel sorpassare i rivali e spesso anche con l’utilizzo del Drag Reduction System (DRS). Un chiaro segno che le mappature motore, dopo i guai di affidabilità patiti, sono state “moderate”. Mancano quei cavalli su cui si poteva contare fino a qualche gara fa e a nulla sono serviti gli assetti più scarichi di Sainz e la nuova ala posteriore a basso carico di Leclerc. Anzi gli assetti scarichi e le ali da basso drag hanno sfavorito in trazione ed in uscita di curva le due rosse, pagando poi in accelerazione e allungo sul dritto.

Poi nuovamente una strategia addormentata, non aggressiva che non coglie l’occasione di un pit stop sotto regime di virtual safety car e un distacco che ha portato Sainz a inseguire Verstappen sempre a distanza di sicurezza (tra i 8 secondi fino a scendere a quasi 5).

Diciamola tutta, se non fosse uscita la safety car finale, difficilmente avremmo visto una battaglia ravvicinata tra Sainz e Verstappen come quella degli ultimi dieci giri di gara. Dovevamo sperare nel recupero dello spagnolo che probabilmente sarebbe arrivato a gomme esaurite al ridosso di un Verstappen che certamente avrebbe patito anche lui un degrado gomme. Tutto da vedere, tutto da provare e molti “se”.

Il racconto però che emerge dai media nazionali che trasmettono la corsa non è critico, anzi… La “miglior macchina”, “ottimismo in casa Ferrari”, “ora con motori freschi si tornerà all’attacco” senza ricordare al pubblico che il parziale è di 7 vittorie per la Red Bull contro le solo 2 della Ferrari e un distacco di Leclerc dalla vetta di ben 49 punti (quasi due Gran Premi di svantaggio). Non si critica la gestione del muretto, nulla da obiettare e tutti felici, così. La macchina migliore non vince. Sembra quasi logico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gp Canada, Verstappen vince e allunga in classifica. Secondo Sainz davanti a Hamilton. Rimonta di Leclerc: è quinto

next
Articolo Successivo

Verstappen-Hamilton, lite censurata prima della premiazione in Canada? Il caso che scuote la Formula 1

next