“Ho dato un’occhiata a quelle foto segnaletiche e a quella lista di proscrizione, ho visto anche che è stata abbinata a presunte inchieste del Copasir, secondo me bisogna stare molto attenti. Anzi trovo indegno che si facciano delle liste di proscrizione con immagini di alcune persone estraendo delle frasi che hanno detto e delle opinioni espresse. Il nostro Paese è bello perché siamo in democrazia, teniamocela stretta questa democrazia”. Così il presidente del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, ha commentato con alcuni giornalisti a Palermo, nella sua visita al lungomare di Barcarello, l’articolo pubblicato dal Corriere della Sera coi nomi di alcune persone ritenute vicine a Putin.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, Landini: “L’Europa ci chiede di affrontarlo, non è che la ascoltiamo solo quando vuole che si facciano i tagli”

next
Articolo Successivo

Referendum giustizia, Salvini: “Spacciatori liberi se vince il sì? Per reati gravi la custodia resta”. Ma è falso: scompare per tutti quelli “non violenti”

next