Alcune centinaia di ambientalisti si sono dati appuntamento al Passo Giau, a pochi chilometri da Cortina, per la terza edizione di Non nel mio nome, manifestazione di protesta contro il “saccheggio” delle Dolomiti. Due i temi trattati in particolare durante il dibattito all’aperto: la denuncia dell’impatto ambientale che sarà provocato dalle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 (pista da bob, villaggio olimpico, mancanza di valutazione d’impatto ambientale, eccesso di cantierizzazione, crescita smisurata delle spese pubbliche…) e l’allarme per i progetti di sfruttamento del Passo Giau (nuovo albergo da 40mila metri cubi), anche attraverso un carosello di impianti che colleghi Cortina ad Arabba e al comprensorio del Civetta. Sono intervenuti rappresentanti di Peraltrestrade Dolomiti. Italia Nostra, Mountain Wilderness, Wwf, Libera, Parco del Cadore, Ecoistituto del Veneto “Alex Langer”.

Tutte le foto sono pubblicate per gentile concessione di Marco Milioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, lo studio tedesco: “Esposizione a lungo termine all’inquinamento legata a rischio più alto di malattia grave”

next
Articolo Successivo

Brasile, i colossi minerari contro Bolsonaro: per la loro attività di estrazione chiedono regole che rispettino i nativi e l’ambiente

next