“Sono una mamma come tante, ma con un lato birichino”. Sono le parole di Mrs. Robinson (nome d’arte ispirato a Il laureato, film del 1967 con Dustin Hoffman), 51enne americana che, dopo aver abbandonato una carriera nel marketing, ha conosciuto la fama su OnlyFans. “Un amico mi ha chiesto di collaborare a un video e sono rimasta stupita dal responso e dai soldi che si potevano guadagnare sulla piattaforma – ha raccontato la donna al Daily Star -. Ho pensato così di mettere le mie competenze nel marketing a servizio di OnlyFans. Quando mi dicono che sono vecchia, rispondo: ‘Sì, è proprio la mia caratteristica’”. La signora Robinson ha rivelato che il supporto dei suoi figli in quello che fa è fondamentale.

Tra questi c’è anche Amber, che di recente ha voluto seguire le orme della mamma: “Quello che faccio mi dà forza. È così sexy poter essere davvero se stessi”, ha raccontato la ragazza durante un’ospitata al podcast That’s Offensive. La decisione di Amber di voler fare lo stesso lavoro della mamma, ha portato la signora Robinson a una conclusione: “All’inizio non l’ho presa benissimo. Ma, come i miei figli mi hanno detto una volta scoperta la mia attività: ‘Tutti devono fare ciò che li rende felici, senza importarsene del giudizio degli altri’”. Le due, ormai diventate vere celebrità dei social e di OnlyFans, al podcast hanno giurato che non faranno mai video insieme: “La gente ce lo chiede sempre. Ma non lo faremo mai! A parte che è illegale, ma a casa siamo molto pudiche, non giriamo mai senza vestiti!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parla l’unica sopravvissuta a un incidente aereo nel quale sono morte 152 persone: “Una turbolenza, nessuno sembrava preoccupato. Poi una scossa elettrica…”

next
Articolo Successivo

Ragazzo morto “torna in vita” per trovare i suoi assassini: la polizia olandese ricorre al deepfake per risolvere il “cold case”

next