“Gli accordi e le condizioni di questi accordi non possono essere oggetto di un ultimatum. È un dialogo come quello che stiamo conducendo oggi. Solo che con voi è un dialogo piacevole. Vogliamo continuare questo dialogo mentre dall’altra parte non è una discussione molto piacevole. Ma siamo pronti a condurre questi negoziati, questi colloqui purché non sia troppo tardi”. Così il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky nel corso di un dialogo con gli studenti di Sciences Po, collegato con Parigi. “Perché ad ogni Bucha, ad ogni nuova Mariupol, ad ogni nuova città, dove ci sono decine di morti, casi di stupro e a ogni nuova atrocità, scompare la voglia e la possibilità di negoziare“, ha spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lufthansa si scusa con la comunità ebraica: aveva impedito a un gruppo di ortodossi di salire su un volo

next
Articolo Successivo

Hong Kong, arrestato il cardinale 90enne Joseph Zen e poi rilasciato su cauzione. “Preoccupazione” del Vaticano

next