Lewis Hamilton e Serena Williams sono pronti a investire nel Chelsea. I due campioni di Formula 1 e tennis trattano per entrare nella cordata guidata da Martin Broughton, ex presidente di Liverpool e British Airways, per l’acquisizione del club di Premier League. Secondo Sky News Uk, Hamilton e Williams, in trattative da settimane con la cordata, hanno promesso di investire 10 milioni di sterline (circa 12 milioni di euro) ciascuno. Il campione di Formula 1, noto tifoso dell’Arsenal, alla vigilia del week end di gara a Imola ha confermato l’interesse: “Il Chelsea? Mi piace il calcio. Potrei prenderlo? Sì. E’ un’opportunità e sto cercando di coglierla”.

Il sette volte campione del mondo in F1 e l’ex numero 1 nel ranking Wta entrerebbero a far parte di un consorzio che, tra i propri sostenitori, vanta già la presenza di Sebastian Coe, ex mezzofondista e oggi presidente della World Athletics. Il loro coinvolgimento in questa trattativa è arrivato totalmente a sorpresa. Secondo voci vicine al gruppo, ciò che ha convinto i due campioni dello sport a entrare nel consorzio di Broughton è la varietà di personalità all’interno del gruppo. I due sono da sempre stati promotori dell’equità, della diversità e dell’inclusione, prestandosi in numerose iniziative contro la discriminazione di ogni genere: sarebbero pronti a farlo anche al Chelsea nel caso in cui la trattativa andasse in porto. Non sarebbe la prima volta che atleti di spessore decidono di investire in Premier League: un esempio è Lebron James, star Nba che per un decennio è stato azionista del Liverpool.

Lewis Hamilton, parlando nella conferenza stampa in vista del Gran Premio di Imola di F1, ha spiegato il suo interesse per i Blues, nonostante il tifo per l’Arsenal: “Ero l’unico bambino di colore. Passavo da una squadra all’altra e mia sorella mi diceva ‘devi diventare tifoso dell’Arsenal’. Mio zio invece tifa Chelsea, alla fine sono un fan dello sport e il Chelsea è uno dei club più importanti al mondo. E’ un’opportunità e sto cercando di coglierla”, ha detto il pilota inglese. “Ho un rapporto stretto con Serena Williams, atleta e donna straordinaria. Le ho detto che volevo essere coinvolto e poi anche lei ha voluto unirsi al progetto per il Chelsea. Ci sono stati comunicati gli obiettivi in caso di vittoria dell’asta – ha spiegato Hamilton – e ne sono felice. Da ragazzino collezionavo figurine e le scambiavo con dolci e penny per avere le più preziose. Ho fatto anche tanti provini, era un sogno essere parte integrante di una squadra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Due anni di carcere per il fondatore del sito pirata “Rincòn de Roja Directa”: con lo streaming illegale introiti per un milione di euro

next
Articolo Successivo

Wimbledon, Panatta e Bertolucci contro l’esclusione dei russi: “Un’ipocrisia totale”, “Non c’entrano niente con la guerra”

next