Perché, a settantasette anni dalla morte, in Italia della lunga ombra di Benito Mussolini non ci si riesce a liberare? Gira e rigira, proprio come scrive Sara Lucaroni è… Sempre Lui. Titolo dell’inchiesta giornalistica pubblicata da Libreria Pienogiorno, in uscita il 21 aprile, che scandaglia l’Italia di ieri e di oggi per comprendere fino in fondo la persistenza di un mito cucito addosso agli italiani perché in fondo a loro somiglia: quello del Duce. Lo spiega l’autrice in uno stralcio che FQMagazine.it pubblica in anteprima. “Se Mussolini è diventato mainstream, se a più riprese si tenta di ripristinare da Nord a Sud la ‘toponomastica originaria’, ovvero quella fascista, se sui social anche chi è nato sul crinale del nuovo millennio occhieggia al Ventennio o ne condivide la retorica e i simboli, se movimenti e gruppi prima marginali ora attaccano frontalmente organizzazioni e istituzioni o si mescolano a chi si candida a governarle, è perchè, con tutta evidenza, a settantasette anni dalla Liberazione di Mussolini ancora non ci si libera. Non ci si può o non ci si vuole liberare”.

Insomma, la persistenza di un dato storico ingombrante, di un fenomeno antropologico profondo e immarcescibile, risuona con quella retorica puntuta da balcone di Palazzo Venezia, con quel roteare inquietante di pupille, tra le riflessioni di importanti storici, sociologi e giornalisti: David Bidussa, Luciano Canfora, Franco Cardini, Emanuele Fiano, Umberto Galimberti, Giordano Bruno Guerri, Helena Janeczek, Vito Mancuso, Paolo Mieli, Tomaso Montanari, Giampiero Mughini e Chiara Saraceno. Un percorso di ricostruzione storica che sfida e si confronta con un frammentario ed eterogeneo presente senza sconti per nessuno. In fondo come diceva donna Rachele: “Mio marito sembrava un leone, ma era tutt’al più un pover’uomo”.

Leggi l’anteprima in esclusiva di SEMPRE LUI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Furto in casa di Diletta Leotta, il ladro 16enne condannato a un anno e 4 mesi: aveva rubato anche a casa di Eleonora Incardona

next