L’esodo continua. Dopo McDonald’s – il cui addio a Mosca ha un valore simbolico – Starbucks, Coca Cola, Pepsi, si allunga la lista di multinazionali che lasciano la Russia. Oggi è la volta di Amazon, Nestlè, il gruppo mondiale alberghiero Hilton, Victoria’s Secret che da giovedì chiuderà i propri negozi e delle aziende del tabacco Philip Morris e Imperial Brands. Molte di queste notizie sono state anticipate dal quotidiano britannico Guardian e dall’agenzia di stampa internazionale Reuters.

Amazon in particolare ha annunciato di aver interrotto la spedizione dei prodotti ai clienti con sede in Russia e di aver bloccato l’accesso al suo servizio Prime video. Martedì scorso la società aveva comunicato lo stop alla vendita di servizi di cloud. “Abbiamo sospeso la spedizione di prodotti e non accetteremo più nuovi clienti Aws con sede in Russia e Bielorussia e venditori di terze parti Amazon”, ha spiegato la società. “Stiamo inoltre sospendendo l’accesso a Prime Video per i clienti con sede in Russia e non prenderemo più ordini per New World, che è l’unico videogioco che vendiamo direttamente in Russia”. La Russia non è peraltro un mercato di particolare importanza per l’azienda di Seattle.

Hilton Worldwide Holdings ha annunciato invece che interromperà tutte le nuove attività di sviluppo in Russia e di aver chiuso tutti i suoi uffici di Mosca. “Hilton si unisce a coloro che sono rimasti scioccati e increduli in tutto il mondo per i tragici eventi che si stanno svolgendo in Ucraina – si legge in una nota -. I nostri hotel sono sempre stati parte del tessuto delle nostre comunità che serviamo e prendiamo sul serio, con la nostra promessa di avere un impatto positivo sui luoghi in cui viviamo e lavoriamo”. Il gruppo ha poi precisato che sta donando fino a 1 milione di euro in pernottamenti per sostenere i rifugiati ucraini e gli aiuti umanitari in tutta Europa, di avere chiuso l’ufficio aziendale a Mosca, garantendo la continuità del lavoro e la retribuzione per tutti i membri del team interessati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Ucraina, sondaggio sull’invio di armi italiane: “Il 40% degli intervistati è contrario. Per 6 su 10 la soluzione è soltanto diplomatica”

next
Articolo Successivo

“In Ucraina laboratori di armi biologiche”, le accuse russe e la collaborazione con Usa e Canada. Dove sono le strutture e quali sono le regole

next