Il segretario della Lega, Matteo Salvini, è stato contestato al suo arrivo alla stazione ferroviaria di Przemysl, cittadina che dista circa 15 chilometri dalla frontiera con l’Ucraina. Il video di quanto accaduto è stato pubblicato sui social dal consigliere Paweł Zastrowski. Il video inquadra il sindaco della città, Wojciech Bakun, con a fianco Salvini. Bakun, dopo aver ringraziato molte organizzazioni italiane che sostengono i rifugiati, mostra al senatore una maglietta con il volto di Putin. “L’iniziativa dell’incontro odierno è nata da Salvini. Stamattina ho ricevuto l’informazione che avrebbe visitato Przemysl. Lo ritengo insolente da parte sua, così ho deciso di regalargli una maglietta con l’immagine del suo amico Putin e invitarlo a visitare un centro con i rifugiati in cui ci sono migliaia di vittime di questa guerra. Solo l’ultimo giorno la Polonia ha accolto 150mila rifugiati, di cui solo Przemysl circa 43mila” le parole di Bakun riportate dal sito polacco. Dalle immagini si vede quindi Salvini allontanarsi dal punto dell’incontro, mentre si sentono alcuni italiani che lo contestano al grido di ‘sei un pagliaccio, buffonè. “Sono qua per aiutare” risponde il leader della Lega prima di andare via. “Il primo politico a venire qui? Spero ce ne siano altri, se ciascuno fa il suo e aiuta una famiglia… La Polonia sta facendo tantissimo, un milione di rifugiati, l’Europa dovrebbe fare di più. La Polonia e lasciata un po’ da sola”, ha poi dichiarato Salvini a Rainews

video Lapresse

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Zelensky: “Da 13 giorni ascoltiamo promesse dell’Occidente. Anche chi non ha preso decisioni è responsabile di questo”

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, l’ambasciatore di Kiev all’Onu: “La ‘z’ sui veicoli militari russi? Sta per ‘zveri’, vuol dire ‘bestie'”

next