“Per motivi di sicurezza molte persone Lgbtqi+ sono già partite alla volta di altri Paesi. Tutti sanno che le persone Lgbtqi+ saranno uno dei primi obiettivi sotto il possibile controllo dell’Ucraina. Fanno quello che possono per cercare di salvarsi”. Lo dice l’attivista lesbica Olena Shevchenko, leader dell’organizzazione ‘Insight’ e rappresentante europea di Ilga World, la rete mondiale (di oltre 1.700 organizzazioni) che dal 1978 si batte per i diritti di lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali. Ogni giorno, ha spiegato all’agenzia di stampa Adkronos, riceve centinaia di messaggi e chiamate di persone Lgbtqi+ preoccupate per quello che potrebbe accadere.

Mentre molti si sono messi in fuga per proteggersi, altri hanno preferito rimanere in campo e combattere: “Diverse persone Lgbtqi+ hanno fatto il servizio militare. Alcuni erano in guerra nel 2014 nell’Ucraina orientale. Ora sono veterani e sono andati a proteggere di nuovo il nostro Paese”, ha proseguito Shevchenko, co-presidente del Consiglio Lgbt dell’Ucraina. Circola inoltre la voce che Putin abbia stilato una ‘kill list’ nella quale figurano, fra gli altri, anche personalità Lgbtqi+, ma l’attivista si limita a dire di averne sentito parlare, senza aggiungere altro. Con Putin, ha concluso, “Tutto è possibile. È il Male. Sta distruggendo il nostro Paese, le nostre case. Sta uccidendo la nostra gente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tunisia, da un mese davanti a sedi Unhcr: la protesta di cento migranti. “Reinsediamento in Ue lento e stop ai pocket money”

next
Articolo Successivo

In carcere focolai di Covid e disservizi: le carenze dello Stato allontanano il mondo esterno

next