“Quando ci sono grandi cambiamenti, la sensazione è di entrare in periodo completamente diverso di quanto visto finora, in questi momenti la prima pulsione è di fare i conti con se stessi e con gli altri, di dire ‘Io avevo visto giusto, tu no, ho ragione’ oppure dire ‘io ho sbagliato però per buoni motivi’.Ho la sensazione che questo sia marginale, non è il momento di fare i conti con se stessi e con gli altri ma di fare i conti con la storia, non quella passata ma di oggi e di domani”. Sono le parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, che ha replicato in Senato ai parlamentari dopo l’informativa sulla crisi ucraina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, risoluzione bipartisan in Senato: “Esigere da Mosca il ritiro militare e sostenere ogni iniziativa per la de-escalation”

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, Amendola (Affari europei): “Non avrei mai voluto che accadesse con le bombe, ma la storia europea cambia adesso”

next