“Un documentario su di me? Ma perché?”. Gigi Proietti e l’umana umiltà del divo. È stato Edoardo Leo, ideatore e regista del documentario Luigi Proietti, detto Gigi a parlare dell’attore scomparso ad 80 anni il 2 novembre del 2020. Il ricordo si è soffermato, durante l’ultima puntata di Domenica In, proprio quando a Leo è venuta l’idea di un film che commemorasse gli 80 anni di Proietti. “Era un esempio per tutti noi che ci chiamiamo colleghi, ma quando guardavamo lui lo potevamo solo ammirare. Pensava di non meritarlo e mi ha detto, cominciamo e poi vediamo: non credo di avere la tempra del divo”.

Leo ha spiegato: “Lui non era solo un comico, ha aperto teatri, ha fatto entrare gratis tutti gli studenti”. Infine ecco l’uscita di Luigi Proietti detto Gigi nelle sale italiane dal 3 al 9 marzo, dopo l’anteprima alla Festa di Roma: “Vedere la gente che ride e si emoziona guardando il film è bellissimo da una parte, ma dall’altra mi dispiace perché avrei voluto che lui lo guardasse”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Miriana Trevisan si sente male: Barù corre a soccorrerla. Ecco cosa è accaduto nella notte

next
Articolo Successivo

Alda D’Eusanio torna all’attacco contro Laura Pausini: “Querela da un milione di euro”. Lo staff della cantante smentisce: “Cifra molto inferiore”

next