Tre ex agenti della polizia di Minneapolis sono stati riconosciuti colpevoli da una giuria di aver violato i diritti civili di George Floyd per non essere intervenuti mentre un loro collega stava soffocando l’afroamericano tenendo il ginocchio sul suo collo per nove minuti. Si tratta di Tou Thao, 36 anni, J. Alexander Kueng (28) e Thomas Lane (38). Tutti responsabili di non aver fornito assistenza medica e, i primi due, di non aver fermato Derek Chauvin, l’agente che uccise Floyd. Rischiano una pena fino all’ergastolo. “Continuarono a guardare mentre Floyd soffriva una morte lenta e straziante” e “scelsero di non fare nulla e guardarono un uomo morire”: questo aveva sostenuto l’accusa durante il processo. Nello specifico, i tre erano accusati di aver mostrato “una deliberata indifferenza verso le gravi necessità mediche di Floyd” e, i primi due, di non essere intervenuti per fermare l’uso di una “forza irragionevole” da parte di Chauvin (nel frattempo già condannato). La giuria, formata da otto donne e quattro uomini, li ha invece giudicati colpevoli di aver violato i diritti civili di Floyd. Il fratello di George Floyd, Philonise, ha spiegato che “non ci può mai essere giustizia perché non potrò mai riavere George”.

Charles Kovats, avvocato statunitense ad interim per lo stato del Minnesota, ha definito le condanne un’occasione per ricordare che tutti gli agenti delle forze dell’ordine giurati hanno il dovere di intervenire. “Questi ufficiali avevano una responsabilità morale, un obbligo legale e il dovere di intervenire e, non riuscendo a farlo, hanno commesso un crimine”, ha detto Kovats. La difesa ha invece cercato di spiegare che la loro negligenza è dovuta al fatto che la loro formazione era inadeguata per una situazione di questo tipo. Sempre secondo la difesa, Kueng e Lane hanno entrambi detto di essersi affidati a Chauvin come ufficiale anziano sulla scena. Thao ha testimoniato di aver fatto affidamento sugli altri ufficiali per prendersi cura dei bisogni medici di Floyd poiché la sua attenzione era altrove.Chauvin era stato condannato a 22 anni e mezzo per omicidio. Anche Lane, Kueng e Thao dovranno affrontare un processo separato a giugno con l’accusa di aver aiutato e favorito l’omicidio e per omicidio colposo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Summit Ue-Africa e vaccini: come attivista sono deluso dalla cecità dei nostri leader

next