È il 15 febbraio del 2020 e negli uffici del consiglio d’amministrazione dell’Ast, l’Azienda siciliana trasporti, l’analisi è trachant: “Sta diventando l’ufficio di collocamento di Forza Italia”. Così parla il vicepresidente dell’azienda Giuseppe Dalì (che non risulta indagato) mentre discute con il presidente, Gaetano Maria Tafuri, adesso sospeso dal pubblico ufficio. “L’ufficio di collocamento” gestisce il trasporto pubblico urbano e interurbano in Sicilia, ed è partecipata al 100 per cento dalla Regione. Un’azienda integralmente pubblica gestita come un affare privatissimo: questo è il quadro delle indagini della Guardia di finanza di Palermo. Un affare privato, bacino ghiotto dei politici. Dalì parla con Tafuri, considerato fedelissimo dell’ex presidente della Regione, Raffaele Lombardo. Vicino a Lombardo è considerato anche Andrea Ugo Fiduccia, direttore generale dell’Ast e assoluto protagonista – suo malgrado – dell’operazione coordinata dalla procura di Palermo che per lui ha chiesto e ottenuto gli arresti domiciliari (per altri 8 sono scattate altre misure interdittive, tra sospensioni e divieti). Un’inchiesta, guidata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis, che ha svelato “una forma di gestione dell’Azienda superficiale e privatistica irrispettosa delle norme di legge che avrebbero dovuto orientare il modus operandi di un organismo pubblico, direttamente promanante dalla regione Sicilia” scrive il gip Marco Gaeta.

Un’azienda pubblica gestita in forma privata per rispondere ai desiderata dei politici di turno: “È emerso chiaramente come molti dei lavoratori interinali impiegati presso l’Ast siano scelti esclusivamente sulla base di segnalazioni politiche che pervengono a Fiduccia, il quale a sua volta le comunica a referenti della In.Hr Agenzia per il lavoro Srl. Assunzioni che non sono dovute ad un’effettiva esigenza aziendale di Ast ma vengono poste in essere solamente per accordare le segnalazioni provenienti dalla politica”. Segnalazioni che a un certo punto sfuggono, addirittura, da ogni controllo, per stessa ammissione del direttore che intercettato, dice: “Qua purtroppo la cosa è scappata di mano” ammettendo che “c’è un macello” presso la sede Ast di Palermo. A fronte di un’esigenza effettiva di 5 unità lavorative “ce ne sono venticinque…fatti il conto… – dice Fiduccia – non sanno più dove metterli…andare a spendere un bordello…noi già paghiamo 500mila euro al mese per questi interinali”.

Il sistema per assecondare le spinte della politica è infatti quello delle assunzioni “interinali” somministrate tramite la In.Hr Agenzia per il lavoro, che vince la gara, ed ha un “rapporto privilegiato con Fiduccia”: è così che si può aggirare il blocco alle assunzioni della Regione dal 2002 e perfino agire per chiamata diretta. D’altronde “il bando di gara indetto da Ast nel 2019 per l’affidamento della fornitura di lavoratori interinali stimava un costo complessivo di 6 milioni di euro per un triennio – scrive il gip – quando in realtà l’aggiudicataria In.hr Agenzia per il lavoro Srl in nemmeno due anni (dal 30 aprile 2019 al 31 marzo 2021), ha emesso nei confronti dell’Ast fatture per un importo complessivo pari a 9.412.137”. Dovevano essere 2 milioni l’anno, invece sono stati più di 4 milioni e mezzo in due anni.

Questo è il terreno in cui si inseriscono le pressioni dei politici, enunciate con chiarezza nelle intercettazioni. È, infatti, lo stesso Fiduccia a raccontare di essere stato convocato presso l’Assemblea regionale siciliana e di avere ricevuto un “papello” riposto all’interno di una busta della stessa Ars “allora, mi mannaru a chiamare all’Ars e mi riettero nu bellu papello… però un ne sanno (incomprensibile) ca’ mi rietteru la busta all’Ars (mi hanno chiamato all’Ars e mi hanno dato un bel papello, ndr)”.

Un papello di indicazioni varie, tutte dei politici. A cominciare – stando a quanto trascritto nell’ordinanza dal gip – da Gianfranco Micciché (che ha annunciato di volere querelare Fiduccia), ma così riporta il gip: “Il 19 febbraio del 2021 Giuseppe Dalì (è lui a fare il suo nome, ndr) parlando con Fiduccia riferisce di essere stato contattato da Gianfranco Micciché, il quale gli avrebbe detto di avere bisogno “di una posizione su Trapani, di una su Enna, che si sposta dove va lui, e una su Palermo”, Fiduccia risponde che vi è un soprannumero di personale (“semu cu u bicchiere superchiu”) e che le unità in eccesso sono ben 15: “Ce n’è coccu quinnici superchiu rispetto a quanti sono, ma che stiamo scherzando!”. Dalì, replica dicendo che non possono opporsi alla richiesta del Micciché: “Eh, dimmi come dobbiamo fare perché lo dobbiamo fare”.

Papelli dall’Ars, ma anche segnalazioni dall’assessorato (“Di questo non c’ho il curriculum picchì mu riettiru in assessoratu“, me lo hanno dato in assessorato, ndr), di persone di cui manca il curriculum ma sono chiare – almeno così pare dalle intercettazioni – le competenze: “Manco sannu fari a O cu bicchieri”. Non sanno neanche fare la “o” col bicchiere, indica Luigi Giunta, dipendente Ast, parlando con Fiduccia: “Andiamo bene, ho visto che sono entrate altre persone, quindici persone”.

Assunzioni che non servono, manco a dirlo, di persone in esubero e senza competenze, ma segnalati dai politici. Una vera e propria lottizzazione, stando anche a quanto è stato riportato ai pm dalle persone informate dei fatti. Testimoni che hanno “elencato tutta una serie di dipendenti che sono stati assunti in Ast grazie al sostegno di noti esponenti politici o influenti gruppi imprenditoriali, dal Pd a Fi, passando per Alternativa Popolare: “Antonio Contorno, nipote di Antonello Cracolici (Pd, ndr), Giuseppe Iacono, nisseno sponsorizzato da Confindustria, Teresa Salamano “che gode di vari favori e che entrò in Ast spa tramite Francesco Cascio (Forza Italia, ndr), Maria Clara Canzoneri (parente dei noti costruttori Caltagirone), Giuseppe Montalbano (anche lui entrò in Ast tramite Francesco Cascio), Alessandra Marino, vicina al politico Castiglione di Catania (Giuseppe, Ap, ndr)”.

Ma è la stessa politica – dopo che i media la portano alla luce – che ferma una delle operazioni più sfrontate della gestione di Fiduccia, ovvero la creazione di una compagnia aerea siciliana, Ali di Sicilia, tarpate dal governo Musumeci che si oppose, ed in particolar modo dai due assessori di Forza Italia, Marco Falcone (alle infrastrutture), e Gaetano Armao (Economia). Fiduccia aveva, invece, riportato, per filo e per segno il progetto della nascente compagnia aerea a Raffaele Lombardo, come risulta dall’ordinanza.

Per questa operazione il direttore dell’Ast aveva coinvolto la Officine del turismo, un’azienda che ricorre spessissimo nelle 200 pagine dell’ordinanza. È in aiuto di questa azienda, infatti, che si spende spesso Fiduccia. Per esempio, durante il lockdown del 2020: “Questo mese faremo, sì e no, trecento euro di provvigioni e quindi siamo rovinati”, si sfoga il 20 aprile del 2020 l’amministratore della Officine, Alberto Carrotta parlando con Fiduccia. Ed è poco dopo, precisamente il 29, che Fiduccia avverte i suoi che Ast farà acquisti da Officine del Turismo Srl, senza gara. Saranno commissionati software centralizzato e termoscanner. Sarà sottoscritta la fornitura di 528 obliteratrici con termometro e relativi tornelli per un costo complessivo di 549mila euro (le ultime obliteratrici sono state consegnate nel febbraio del 2021, mentre i tornelli non furono acquistati).

Ma questo è solo uno degli episodi emersi dalle indagini della Guardia di finanza, che ha svelato un vero e proprio sistema in cui – secondo gli inquirenti – venivano escluse ditte, truccate gare, falsificati bilanci e favorite aziende. Nel caso di Officine del turismo, con un chiaro tornaconto – questa è quanto sostiene l’accusa – di Fiduccia, che in cambio chiedeva l’assunzione di un nipote, mentre un altro veniva pagato per una consulenza occasionale di 3500 euro. Ma otteneva anche l’assunzione pure della figlia e di un altro nipote acquisito, indicando pure la cifra da corrispondere (2500 euro). Mettendoci dentro anche una penna Montblanc edizione speciale e un portafoglio della stessa marca ricevuti in regalo. Su queste premesse avrebbe dovuto spiccare il volo Le Ali di Sicilia. Un’operazione fermata dal governo di Musumeci il cui flop non ha però mancato di gravare sulle casse regionali: 70mila euro. Tra cui, 15mila per lavori di adeguamento, 34mila a favore dell’Enac per il rilascio della certificazione, 4524 euro per Sofema Aviation Services Food” con sede a Sofia in Bulgaria, per “virtual aviation academy corsi on line per 12 persone”. Mille euro alla Aviando srl con sede a Catania, consulenza start up aeronautica e analisi velivoli svolta dall’ingegnere Visinalis”. Quasi 15 mila euro per l’acquisto di 13 Macbook Air. Non sorprende, visto quanto emerso dalle indagini, se l’Ast finiva per contare perdite di quasi 20 milioni di euro.

Riceviamo e pubblichiamo
Il sottoscritto, in nome e per conto dell’avv. Maria Clara Canzoneri e dell’avv. Alessandra Marino, dipendenti dell’Azienda Siciliana Trasporti S.p.A. – A.S.T. S.p.A., assegnate all’Ufficio Legale della Società, rappresenta quanto segue.

A seguito di una recente operazione della Guardia di Finanza di Palenno (denominata ”Gomme Lisce”), la vostra testata giornalistica, in data odierna, ha riportato in un articolo i nomi delle due professioniste, indicate come lavoratrici assunte in AST SPA grazie ad una logica clientelare.

Nella realtà, invece, l’avv. Canzoneri e l’avv. Marino sono entrate in AST S.p.A. nel dicembre del 2002. attraverso pubblica selezione, bandita sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia: le stesse, dunque, sono state assunte in AST quasi vent’anni prima i fatti contestati nella odierna indagine della GDF, la quale, in tutta evidenza si riferisce a ben altro oggetto di inchiesta (utilizzo di lavoratori cd interinali).

Qualsiasi accostamento del nome dell’avv. Canzoneri e dell’avv. Marino all’oggetto della citata indagine di P.G., pertanto, risulta essere del tutto incongruo ed è estremamente fuorviante per
il lettore. Ed invero le due professioniste, nella qualità di avvocati dipendenti, hanno sempre prestato la propria attività a favore della Azienda con specchiata onorabilità e decoro, senza alcun sostegno di “influenti gruppi imprenditoriali o noti esponenti politici” con cui si disconosce qualsiasi tipo di parentela, relazione o rapporto.

Per tale motivo, avv. Canzoneri e l’avv. Marino, a difesa del proprio onore e del proprio decoro, hanno conferito al sottoscritto legale ogni più ampio mandato per agire in giudizio in tutte le
sedi consentite dall’ordinamento, nei confronti di chiunque abbia esternato le sopracitate calunniatorie e diffamatorie illazioni e/o di chiunque se ne faccia portatore. Si chiede pertanto a Codesto Giornale, in onore all’obbligo di rettifica, di voler provvedere alla pubblicazione della presente smentita, dando alla stessa il medesimo rilievo di stampa già riservato alla notizia riguardante l’inchiesta su A.S.T. S.p.A.

Cordiali saluti
Avv. Alberto Greco

Prendiamo atto della smentita dell’avv. Canzoneri e dell’avv. Marino, tuttavia, evidenziamo che le notizie riportate nell’articolo in parola trovano pieno riscontro negli atti dell’inchiesta oggetto dell’articolo, in particolare, nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Palermo, in data 16 febbraio 2022, nell’ambito di quel procedimento penale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Csm, il testo annunciato dal governo alla Camera non si vede ancora. Commissione Giustizia: “Senza non possiamo andare avanti”

next
Articolo Successivo

Frode fiscale Mediaset, i giudici di Brescia dicono no a Berlusconi: “Inammissibile la richiesta di revisione della sentenza”

next