La gamma Ford Ranger sta tornando in Italia con la nuova generazione del Raptor, che porta con sé un sostanziale aggiornamento estetico e anche una motorizzazione inedita: entrambi gli aspetti a ribadire una personalità più spiccatamente aggressiva, non solo nell’off-road. Arriverà sul mercato europeo a fine estate 2022 e di fatto sarà il primo, della nuova generazione di Ranger dell’Ovale Blu, a sbarcare nel Vecchio Continente.

Esteticamente, il nuovo Raptor è caratterizzato da un aspetto più massiccio, a partire dal frontale: la scritta FORD sulla calandra è ancora più grande rispetto a prima e i gruppi ottici a LED – a forma di C con luci di curva predittive – sono stati inglobati all’interno della mascherina. Anche internamente c’è stato un aggiornamento del design: il carattere sportivo è accentuato dai nuovi sedili (con finiture arancioni) e dalla plancia, che ha al centro il touchscreen per l’infotainment da 12,4 pollici e poi accanto la strumentazione digitale; il volante è riscaldabile e ha le palette per il cambio di marcia in magnesio fuso.

Quanto “all’anima” del nuovo pick-up, Ford ha pensato di affiancare all’attuale biturbo diesel Ecoblue da 2.0 litri – che, hanno specificato, sarà offerto ancora a partire dal 2023 in mercati selezionati – anche il benzina twin turbo tre litri V6 Ecoboost, entrambi associati a una trasmissione automatica a 10 rapporti. Il V6 Ecoboost è un motore usato solitamente nelle corse e infatti è dotato di un sistema anti-lag – simile a quello della GT stradale e della Focus ST – , ed eroga 288 Cv di potenza per una coppia massima di 491 Nm: gli ingegneri a capo del progetto hanno raccontato, durante la presentazione ufficiale, di aver collaudato il nuovo propulsore su un tracciato di 10 km e di aver ottenuto un tempo di un minuto “pieno” minore rispetto a quello ottenuto con il vecchio motore.

Il nuovo Raptor si potrà guidare in 7 modi diversi, e non più 6: Normal, infatti, è la modalità pensata per la guida di tutti i giorni, con un cambio fluido, per consumi più efficienti; Sport, permette di salire di marcia più velocemente; Slippery, riduce lo slittamento delle ruote nella partenza da fermo su terreni scivolosi; Rock imposta il sistema di guida off-road, e permette di inserire blocco del differenziale anteriore e posteriore; Mud&Ruts, massimizza il grip e consente alle ruote di girare velocemente per liberarsi dal fango; Sand riduce al minimo lo spazio di frenata. Infine c’è Baja, la modalità più aggressiva, quella pensata per l’off-road estremo, con cambi di marcia ancora più rapidi e (l’unica) con sistema anti-lag.

Infine, il V6 lo si potrà sentir “cantare” in 4 sonorità diverse (quiet, normal, sport, baja), a seconda di come si deciderà di configurare il sistema di scarico attivo e controllabile elettronicamente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi A8, l’ammiraglia si rinnova e schiera una gamma tutta ibrida – FOTO

next
Articolo Successivo

Mercedes GLC, arriva la versione speciale Night Edition Plus – FOTO

next