Schiacciato da una cabina. È morto così, domenica mattina, il responsabile degli impianti di risalita di Lorica nel comune di Casali del Manco in provincia di Cosenza, Alessandro Marcelli, di 60 anni. L’uomo, prima dell’apertura degli impianti, si trovava a valle per effettuare delle verifiche alle cabinovia, quando sarebbe stato colpito da una cabina ed è scivolato battendo violentemente la testa.

Sul posto sono accorsi i sanitari del 118 e i carabinieri per ricostruire l’accaduto, mentre l’impianto è stato chiuso per consentire alle forze dell’ordine di effettuare i rilievi e i vigili del fuoco hanno evacuato alcuni operai rimasti sospesi in una cabina quando è scattato il blocco dell’impianto di risalita.

Secondo la prime ricostruzioni l’ingegnere era intento a controlli di routine quando sarebbe caduto per un contatto con una cabina in movimento o per un malore. Subito l’impianto è stato bloccato e sul posto sono arrivati mezzi di soccorso su gomma ed uno aereo. Ma per il dirigente non c’è stato nulla da fare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Embraco, 377 operai senza più cassa integrazione: “truffe e promesse mancate da 4 governi. Questa è una storia di menefreghismo”

next
Articolo Successivo

Sora, Comune cerca archeologo per dirigere Museo: “Ma che sia pensionato e lavori gratis”. Poi la precisazione: “Solo per un anno”

next