La sindaca di Barcellona, Ada Colau, è indagata per presunte concessioni irregolari di sovvenzioni pubbliche. Lo rivelano i giornali iberici secondo cui la prima cittadina della città catalana è stata convocata di fronte a un giudice in qualità di persona iscritta sul registro degli indagati. Secondo quanto si apprende, Colau si è detta “perplessa” per questa convocazione e ha respinto al mittente le richieste di dimissioni provenienti dall’opposizione di centrodestra.

“Sono fatti già archiviati dalla Procura, è sorprendente che, per dei fatti che la Procura stessa ha archiviato, si riapra una causa”, ha dichiarato la sindaca in una conferenza stampa. Il codice etico della formazione che guida la sindaca, Barcelona en Comú, stabilisce però che le cariche pubbliche indagate per questioni come prevaricazione malversazione di fondi pubblici debbano lasciare il posto. Ma Colau ribadisce che le sembra “fuori luogo chiedere le dimissioni in questo caso”. In estate, una denuncia simile a quella che ha portato ora un giudice a convocarla era stata archiviata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Casa Bianca distribuirà gratuitamente 400 milioni di mascherine Ffp2 e quattro test Covid per ogni famiglia

next
Articolo Successivo

Colombia, ucciso ambientalista 14enne: difendeva le terre del popolo indigeno

next