Comincia formalmente il processo per la nomina dei nuovi componenti dell’Ufficio parlamentare di Bilancio. Le Commissioni Bilancio del Senato e della Camera hanno indicato i 10 nomi – su 19 candidati – che risultano in possesso dei requisiti per la nomina a componente del consiglio dell’organismo indipendente incaricato di svolgere analisi e verifiche sulle previsioni macroeconomiche e di finanza pubblica del governo. La rosa sarà proposta ai presidenti di Camera e Senato Roberto Fico ed Elisabetta Casellati per il rinnovo dell’Authority, scaduta da aprile 2020. La nomina dovrebbe avvenire prima dell’elezione del nuovo capo dello Stato.

I nomi votati dalle commissioni sulla base dei curricula sono Giampaolo Arachi, Lilia Cavallari, Valeria De Bonis, Stefano Fantacone, Silvia Fedeli, Maurizio Franzini, Lucio Landi, Maria Rosaria Marino, Salvatore Nisticò, Nicola Sartor. Non passano gli altri nove candidati tra cui il membro dello European fiscal board Massimo Bordignon, il consigliere della Corte dei Conti Marcello Degni, l’economista dai molti incarichi Fiorella Kostoris (che era stata in lizza già nel 2014 e anche allora non ottenne abbastanza voti), il consulente della banca mondiale Gustavo Piga.

L’Upb dura in carica 6 anni ed è al suo primo rinnovo dopo la sua costituzione nel 2014. Da mesi conta su due soli componenti: oltre al presidente Giuseppe Pisauro è rimasto solo il consigliere Alberto Zanardi, dopo le dimissioni di Chiara Goretti, chiamata dal premier Mario Draghi a guidare la segreteria tecnica del Pnrr a Palazzo Chigi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delega fiscale, riforma delle concessioni balneari e nuovo scostamento di bilancio: il rischio di rinvio causa “giochi” per il Colle

next
Articolo Successivo

Amadori, guerra in famiglia: la nipote Francesca licenziata in tronco da responsabile comunicazione: “Regole uguali per tutti”

next