Il Natale è la festa degli affetti. Ha spesso l’immagine della famiglia riunita, di alberi illuminati e presepi, di Babbi Natale circondati da bambini felici, di atmosfera di vacanza e regali.

Non sempre e non per tutti è così. Non bisogna per forza avere avuto una vita difficile per soffrire il Natale. A ognuno di noi è capitato un anno diverso, meno gioioso. Un anno in cui magari abbiamo dovuto affrontare prove difficili: conflitti, separazioni, perdite.

Alla sofferenza per le vicende, si aggiunge spesso il senso di colpa e di inadeguatezza per non essere in sintonia con le festività e l’impressione di doversi nascondere dietro la maschera dell’allegria e della felicità.

Dover riunire la famiglia con il senso della mancanza o dell’infelicità che l’accompagna, per chi sta affrontando i conflitti o una famiglia non ce l’ha più può diventare una prospettiva opprimente. Dedicare tempo agli altri anche solo per scegliere un dono è impensabile. Il Natale evoca allora tristezza e solitudine che contrastano fortemente con luccichii e allegria.

Come se non bastasse a seguire c’è la fine dell’anno che porta fisiologicamente a fare bilanci, che non fanno che sottolineare quello che non è stato fatto. Ci concentriamo su dove siamo e soprattutto su dove pensiamo che avremmo dovuto essere.

Chi ha meno consapevolezza di sé e dei propri stati d’animo e sentimenti se la prende con le feste che diventano un nemico da combattere e a cui sopravvivere. Certo non è colpa del Natale, che si limita a sottolineare quello che non c’è ma questo accentuare il vuoto, la noia, la malinconia di essere soli lo rende a volte intollerabile.

Le feste portano in primo piano la sofferenza, una sofferenza che è comunque presente, ma relegata sullo fondo dell’attenzione dagli impegni delle routine quotidiane. E allora meglio approfittare dell’inevitabilità del Natale per ripristinare le priorità, per guardarsi dentro e recuperare il contatto con se stessi a cominciare dalla scelta di come trascorrerlo.

Se ci sentiamo tristi e soli per i più svariati motivi, e quest’anno il Natale e le feste risultano insopportabili, il modo migliore per superarli è trascorrerli in modo coerente con il nostro stato d’animo. Meglio dedicare tempo a se stessi per primi, poi anche agli altri, a chi ha bisogno, piuttosto che costringersi alla felicità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un italiano su venti pensa che il Covid non esista, ma il pensiero irrazionale non è una novità

next