Ancora uno scherzo per Giucas Casella al Grande Fratello Vip6. Durante la puntata del reality show andata in onda ieri 10 dicembre, Alfonso Signorini si è rivolto all’illusionista siciliano: “Tesoro mio, lunedì ti ho lasciato che eri molto scosso perché tu per primo mi hai chiesto notizie della casa di Cefalù e io ti ho detto che i lavori erano stati sospesi perché la tua casa è stata occupata abusivamente da alcune persone”.

Giucas, convinto che si trattasse di un fatto vero, ha visionato amareggiato un (finto) servizio di una troupe locale con il fratello Concetto complice: “Mi hanno detto che c’era movimento nella villa di mio fratello, adesso sono venuto qua per vedere la situazione. Sono inca**to nero“, ha detto Concetto. Da qui un acceso confronto con la famiglia abusiva: “Non andiamo fuori. Adesso ricominciamo? Noi non andiamo fuori”, hanno replicato. Giucas è in lacrime: “Sono arrabbiato”.

“È Natale Giucas, dobbiamo essere più buoni e accoglienti”, ha commentato il conduttore. “Stai scherzando, spero. Io sono disponibile, li aiuto. Pago io l’affitto a queste persone“, ha risposto Giucas a voce bassa. A quel punto il conduttore: “È tutto uno scherzo!”, ha rivelato per poi aggiungere una serie interminabile di “Amore” e “Ti amo”. Casella a quel punto è sbottato a ridere e con lui tutti i coinquilini di Cinecittà. “Peccato”, qualche talk show televisivo stava già mandando gli inviati sul posto…

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sienna Miller risarcita dal Sun: “Mi hanno rovinato la vita. Avrei preferito un processo ma non posso combattere con i soldi di Murdoch”

next
Articolo Successivo

Roberto Cazzaniga a Verissimo: “Più di un mese che non le scrivo, mi manca. Fa più male di un pugno in faccia”

next