Una decina di attivisti del movimento Extinction Rebellion hanno bloccato il raccordo anulare di Roma, all’altezza di Settebagni, per accendere i riflettori sul cambiamento climatico. Srotolando due striscioni con scritto ”Emergenza ecologica e climatica si sono seduti sulla carreggiata e hanno mandato il traffico in tilt per circa due ore. ”Noi non siamo contro di voi – hanno spiegato gli attivisti alle persone che sono scese dalle proprie auto, alcune delle quali li hanno aggrediti verbalmente con insulti – noi chiediamo solo alla politica di essere ascoltati. Vogliamo delle assemblee cittadine per decidere come mettere in atto una transizione ecologica equa e sostenibile”. La protesta pacifica, che è scattata intorno alle 8 del mattino, si è conclusa verso le 10.30 in seguito all’arrivo delle forze dell’ordine che hanno spostato di peso gli attivisti dalla strada

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I diritti negati dei cittadini del Veneto nelle parole delle mamme no Pfas. I sette punti critici elencati al relatore Onu in missione

next
Articolo Successivo

Roberto Cingolani, la petizione online di Europa Verde: “Il ministro si dimetta. Il Pnrr? Un’occasione persa”

next