A giorni giorni dall’avvio della vaccinazione di bambini tra 5 e 11 anni in Israele non ci sono in base ai dati preliminari report di seri effetti collaterali. A riportate la notizia è il sito Ynet sulla base di informazioni ottenute dal ministero della Sanità e dalle mutue che somministrano le dosi di Pfizer adatto a quella fascia d’età. Finora sono stati vaccinati circa 60mila bambini (pari al 5%) e il dottor Roni Farber – capo della sanità pubblica di Meuhedet, una delle mutue – ha detto al sito che la maggior parte dei bambini vaccinati non avuto alcun effetto collaterale.

“La maggioranza di loro immunizzata con la prima dose – ha spiegato – non ha subito effetti collaterali. Ci sono stati alcuni pochi isolati casi di febbre moderata ma questi sono gli effetti normali del vaccino, simili a quelli di altri vaccini”. Negli Stati Uniti – che hanno iniziato la campagna vaccinale degli under 12 il 3 novembre – sono già 3 milioni i bimbi vaccinati. Nel database di farmacoviglianza Usa, che raccoglie segnalazioni spontanee, non ci sono casi di rilievo. Gli altri Paesi in cui si stanno già immunizzando i più piccoli (partendo dai 2 o 3 anni) sono Cina, Canada, Emirati Arabi, Cambogia, Argentina, Cile, Venezuela e Cuba.

Per vaccinare i bambini in Italia verrà usato quello Pfizer-Biontech con un dosaggio inferiore di un terzo. Sono previste due dosi per iniezione intramuscolare a distanza è di tre settimane. Gli studi effettuati, e che sono alla base delle autorizzazioni, dimostrano un’elevata efficacia nel prevenire il Covid (91%). Sebbene un minor numero di bambini si sia contagiato, secondo gli scienziati, questi possono essere infettati ed infettare. In alcuni rari casi, inoltre, nei bambini è stata descritta una forma di malattia infiammatoria (MIS-C) causata dal virus che può essere aggressiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massolo (Ispi): “Mediterraneo? Attenzione a lasciare indietro i Paesi più poveri sui vaccini. Vanno coinvolti pure su transizione energetica”

next
Articolo Successivo

Germania, l’ospedale di Rosenheim illumina di rosso le stanze della terapia intensiva – Video

next