Nei mercati storici di Palermo insieme a frutta, verdura e street food la droga scorre a fiumi. È quanto emerge dall’ultima operazione messa a segno nella notte dai Carabinieri della compagnia di Piazza Verdi, che hanno arrestato sette persone attive nella piazza di spaccio della Vucciria. Complessivamente i provvedimenti cautelari disposti dal gip sono 11: oltre agli arresti, per quattro persone sono scattati infatti l’obbligo di dimora. Sono tutti accusati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. L’indagine dei carabinieri, coordinata dalla Procura, è scattata nel febbraio del 2020, in piena pandemia, e si è conclusa ad agosto dello stesso anno. Gli indagati sarebbero stati punto di riferimento per tantissimi consumatori tra turisti e giovani della movida palermitana. La vendita di stupefacenti non si sarebbe fermata nemmeno durante il lockdown. Nel corso dell’attività investigativa tre persone erano già state arrestate in flagranza di reato. Una di loro, in particolare, era stata sorpresa in un magazzino del centro di Palermo dove erano stati trovati 500 grammi di hashish e 400 grammi di marijuana e tutto l’occorrente per il confezionamento. Nel corso dell’indagine sono state denunciate altre due persone e segnalati alla prefettura 25 acquirenti

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Furti, rapine e spedizioni punitive al parco di Besana Brianza: arrestati 8 ragazzini di una baby gang

next
Articolo Successivo

Migranti, il cardinale Bassetti della Cei: “Quanto avviene al confine tra Polonia e Bielorussia non appartiene al Vangelo”

next