Rubavano e picchiavano altri coetanei, tutti, giovanissimi perché “avevano i soldi”. E poi spedizioni punitive e aggressioni. Otto minorenni di età compresa tra i 15 e i 16 anni sono stati arrestati dai Carabinieri tra le province di Monza e Lecco per aver vessato e rapinato altri giovanissimi in più occasioni all’interno di un parco a Besana Brianza. Per tutti loro anche il divieto di utilizzare dispositivi elettronici. Quattro i denunciati a piede libero, di cui uno maggiorenne, per aver partecipato ad alcune delle ‘spedizioni punitive’. I carabinieri della Compagnia di Seregno, coordinati dalla Procura per i Minorenni di Milano, a partire dal dicembre 2020 hanno avviato una difficile e articolata attività tecnica per ricostruire il modus operandi dei minori sottoposti a custodia cautelare, così come la partecipazione di altri quattro giovanissimi denunciati, solo uno dei quali maggiorenne. Dodici gli episodi contestati. A far partire l’inchiesta è stata l’aggressione a un ragazzino che, accerchiato e minacciato, è stato rapinato di 30 euro che aveva in tasca, nel parco ‘Villa Filippini’ di Besana Brianza, in provincia di Monza. Il giorno successivo il gruppetto si è ripresentato nel medesimo parco, dove ha costretto alcuni coetanei e amici della prima vittima dell’aggressione a spogliarsi di scarpe e indumenti, dopo averli spintonati e minacciati. “Io rubo tutto quello che mi piace, tanto voi avete i soldi“, le parole di uno dei baby aggressori. Pochi giorni dopo il gruppetto ha aggredito a schiaffi un altro minorenne che stava passeggiando con il nonno, mentre una ventina di altri ragazzini hanno osservato la scena incitandoli a colpire più forte. Il giorno successivo la banda di minori è tornata nel parco per una “spedizione punitiva” nei confronti dello stesso gruppetto di amici, accusati di aver fatto la “spia agli sbirri”. In tre sono finiti in ospedale con contusioni varie da percosse. Per gli otto destinatari della misura cautelare il gip ha imposto anche il divieto di utilizzare social network, l’utilizzo di internet o apparecchi cellulari con persone diverse dai propri familiari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, “l’insostenibile peso delle parole”: rivedi il convegno in Regione Lombardia

next
Articolo Successivo

Palermo, spaccio di droga nelle strade del quartiere della Vucciria: blitz dei Carabinieri

next