In pantaloni viola a zampa su una moto stratosferica, la maglia nera strappata sul petto che lascia intravedere una farfalla tatuata. Oppure, in posa davanti a un ventaglio rosso come un Pierrot, Harry Styles lancia online la sua prima linea di bellezza. S’intitola “Pleasing” ed evoca il piacere. Smalti e prodotti per la pelle luminosi, iridescenti come perle, sieri illuminanti. E diversi set di smalto per unghie in flaconcini da collezione: edizione limitata.

Il cantante, attore, imprenditore britannico Harry Styles, look un po’ maschile un po’ femminile, di certo immagine di uno stile contro ogni stereotipo di genere, sceglie il rosa e il bianco “Perfect Pearl” dalla sua linea di prodotti. E posta su Istagram se stesso mentre si fa laccare le unghie. “Per la prima goccia di Perfect Pearl abbiamo lavorato con la nail artist di Los Angeles Sigourney Nuñez come nostra prima manicurista”, scrive.

L’artista, un mito per le nuove generazioni, ha partecipato da cantante all’edizione britannica di X Factor nel 2010. Da allora, il successo planetario della boy band One Direction e la carriera di solista hanno fatto di lui una star. La sua nuova avventura imprenditoriale, alla quale il magazine Dazed ha dedicato un super servizio, è appena cominciata. Il filo conduttore è la luminosità. La perla in tutte le sue sfaccettature, lucide e opache. Tante combinazioni e nessuno schema per gli abbinamenti di colore. Ogni unghia può persino essere diversa.

Ma la vera novità non sta solo nello sdoganare al maschile un prodotto considerato femminile come lo smalto (Lapo Elkann docet, con le sue ballerine eccentriche). Ma in un valore aggiunto: la sostenibilità. La linea Pleasing è green. Segue formule etiche di produzione, è cruelty-free (realizzato senza sperimentazioni su animali) oltre che dermatologicamente testata. Per gli occhi una miscela di mirtilli rossi, ocra e sale ricavato dall’acido ialuronico. Per le labbra la molecola dello squalene, sostanza organica diffusa in natura anche nei vegetali. L’artista, musa del direttore artistico di Gucci, Alessandro Michele, sin da quando era nella boy band One direction, si era già fatto immortalare con scelte di abbigliamento fluid gender. I prezzi vanno dai 27 euro della pen ai 32 del siero illuminante fino ai 59 del kit con quattro smalti.

Chiffon e lurex, fiocchi e volant, occhiali a forma di fiore. Anche nei video clip. Ma qui, oltre alla creatività disinvolta e priva di stereotipi, c’è di più. La sensibilità per il rispetto dell’ambiente che, sin da prima della pandemia, il mondo della produzione nel campo del fashion e del beauty porta avanti come missione. Se pensi che Harry Styles miri solo alla notorietà e a fare soldi ti sbagli. Non ne avrebbe bisogno. Ecco cosa scrive in un post su Istagram: “Ho scoperto che i momenti della mia vita che mi hanno dato più gioia sono quelli piccoli, che siano la fine di una serata sotto le stelle o un perfetto boccone di cibo”. E aggiunge, poeticamente: “Penso proprio che il piacere sia: guardare quei momenti, trovarli, metterli in evidenza, aiutare altre persone a trovarli”. Perché non credergli?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luisa Ranieri e il nudo integrale per Sorrentino: “Mio marito Luca Zingaretti mi ha sempre detto che sono più bella nuda”

next
Articolo Successivo

Cancro e alimentazione, ecco cos’è l’acido palmitico e perché fare attenzione. Lo studio di Nature e il parere dell’esperto: “I cibi da evitare”

next